Questo articolo è stato letto 10 volte

ARAN, ANCI e Funzione Pubblica sulla Legge c.d.“salva precari”

aran-anci-e-funzione-pubblica-sulla-legge-cdsalva-precari.jpg

di V. Giannotti (www.ilpersonale.it 10/12/2013)

Subito dopo la Legge n. 125/2013 (legge di conversione del d.l. n. 101/2013), sono intervenuti in ordine di tempo, l’ANCI con due successive interpretazioni, in seguito l’ARAN nei primi giorni di dicembre e per ultimo il Dipartimento della Funzione Pubblica con la circolare n. 5/2013. In modo particolare l’attenzione di tale provvedimento legislativo era atteso da due categorie di soggetti, da una parte i vincitori di concorso e gli idonei, e dall’altro l’enorme schiera dei precari in attesa di una definitiva sistemazione. Le attese, tuttavia, non sono state soddisfatte in ragione dei vincoli e delle limitazioni contenute nel testo legislativo e a causa delle norme costituzionali che impongono alla P.A. di reclutare il proprio personale mediante concorsi pubblici aperti all’esterno. Perentoria appare, a tal riguardo, la raccomandazione contenuta nella circolare della Funzione Pubblica nel momento in cui precisa alle amministrazioni “di dare attuazione al decreto-legge nel rispetto dei principi di buona amministrazione e di non favorire infondate attese in capo ai destinatari delle disposizioni laddove non ricorrano margini per la loro assunzione a tempo indeterminato. In tal senso assume rilievo primario l’applicazione corretta della disciplina della “proroga finalizzata” dei contratti da esercitare a fronte di possibilità di stabilizzare i rapporti”.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>