Questo articolo è stato letto 152 volte

Amministrazione digitale: via il cartaceo dal 12 agosto, per le PA solo strumenti informatici

computer

I Consulenti del Lavoro rendono noto che il DPCM del 13 novembre 2014, che attua il Codice dell’ Amministrazione Digitale (CAD), fissa le regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici nonché di formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni.

Il decreto prevede che le pubbliche amministrazioni adeguino i propri sistemi di gestione informatica dei documenti entro e non oltre 18 mesi dall’entrata in vigore dello stesso (30 giorni dalla pubblicazione in GU del 12 gennaio 2015). Fino al completamento di tale processo possono essere applicate le previgenti regole tecniche. Decorso tale termine si applicano le regole tecniche contenute nel DPCM.

Il documento informatico è formato mediante una delle seguenti principali modalità:

a) redazione tramite l’utilizzo di appositi strumenti software;
b) acquisizione di un documento informatico per via telematica o su supporto informatico, acquisizione della copia per  immagine  su supporto informatico di un documento analogico, acquisizione della copia informatica di un documento analogico;
c) registrazione informatica delle informazioni risultanti da transazioni o processi informatici o dalla presentazione telematica di dati attraverso moduli o formulari resi disponibili all’utente;
d) generazione o raggruppamento anche in via automatica di  un insieme di dati o registrazioni, provenienti da una o più basi dati, anche  appartenenti  a  più soggetti  interoperanti, secondo una struttura logica predeterminata e memorizzata in forma statica.

Per maggiori approfondimenti, LEGGI l’ARTICOLO di E. Belisario, Pubbliche amministrazioni e documenti informatici: cosa succede dal 12 agosto?

 

Consigliamo il CORSO:

Il Codice delle Amministrazioni digitali dopo la riforma Madia
Milano, 4 ottobre 2016

A cura dell’ Avv. Ernesto Belisario

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>