Questo articolo è stato letto 112 volte

Accertamento sul lavoro: nuova procedura di presentazione e trattazione dei ricorsi

lavoro

Con comunicato del 02/01/2017 i Consulenti del Lavoro rendono noto che dal 1° gennaio i ricorsi sull’applicazione delle norme in materia di lavoro e legislazione sociale, contributiva ed assicurativa non hanno più a oggetto le ordinanze ingiunzioni, emesse ai sensi dell’art. 18 della legge n. 689/1981, ma gli atti di accertamento adottati dagli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria.

A precisarlo la circolare n. 4 del 29 dicembre 2016 dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, che annuncia l’operatività della nuova procedura sui ricorsi amministrativi avverso gli atti di accertamento in materia lavoristica e previdenziale introdotta dal decreto legislativo n.149/2015.

Nuova procedura sui ricorsi amministrativi

La circolare fornisce indicazioni sulle modalità di presentazione e trattazione dei ricorsi, in particolare con riferimento al nuovo articolo 16 del D.lgs. n. 124/2004 che consente di impugnare innanzi al direttore dell’Ispettorato territorialmente competente anche gli atti di accertamento degli altri agenti ed ufficiali di polizia giudiziaria, diversi da quelli che operano all’interno dell’Ispettorato nazionale e che procedono all’accertamento delle “violazioni punite con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro”.

L’Agenzia specifica che il ricorso deve essere presentato entro 30 giorni dalla notifica dell’atto e deciso entro i 60 giorni dal ricevimento. Oltrepassato questo termine il ricorso viene respinto. I ricorsi vanno presentati alla sede dell’Ispettorato competente per il luogo in cui è stato adottato l’atto di accertamento da impugnare e che deve essere allegato al ricorso.

Si chiarisce, inoltre, che dal 1° gennaio 2017 non si può più impugnare l’ordinanza ingiunzione concernente la sussistenza o qualificazione di rapporti di lavoro (ex art. 17 D.Lgs. n. 124/2004), ma solo l’atto di accertamento dell’Ispettorato e l’atto adottato dal personale ispettivo degli enti di previdenza.

La circolare fornisce chiarimenti sui ricorsi pendenti alla data del 1° gennaio 2017 e sul regime transitorio applicabile.

LEGGI la CIRCOLARE n. 4/2016

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>